Leadership: sapere cosa motiva (o demotiva) le persone per migliorare il proprio team

di Max De Vergori - Newsletter "Discorsi Settimanali" del 24 febbraio 2020

Leadership - Sapere cosa motiva le persone

In questa puntata dei "Discorsi settimanali" ritorniamo a parlare di leadership introducendo il concetto di team building.


Vedremo quali sono i segreti per motivare il team di persone con cui lavoriamo all'interno della nostra azienda, dei nostri progetti o del nostro ambiente.


Che tu sia un manager, un imprenditore o più semplicemente qualcuno che fa parte (o deve dirigere) un gruppo di individui (la tua famiglia o i tuoi amici sono tutti team di cui fai parte), sapere cosa motiva le persone è essenziale per ottenere risultati migliori ed amplificare tutte le qualità dell'ambiente che frequenti insieme al tuo team.


È anche molto importante conoscere i fattori che demotivano le persone, al fine di evitare errori che potrebbero compromettere i rapporti con il tuo gruppo.


Una definizione di team building


Il team building (in italiano traducibile approssimativamente in costruzione del gruppo) è un termine che si riferisce a tutte quelle attività di tipo formative, motivazionali ed aggregative, utili a costruire, sviluppare ed unire un gruppo di persone che hanno, generalmente, un obiettivo comune.

Quando si parla di team building, in genere si fa riferimento ad un contesto aziendale, tuttavia, è possibile adattare le relative strategie anche a gruppi più generici ed eterogenei di persone.


Vediamo come fare team building per motivare le persone all'interno del nostro gruppo, ed evitare di demotivarle.


Come motivare le persone per risultati migliore


La prima domanda da porsi è: "Che cosa motiva le persone?"


Ci sono tante risposte a questa domanda, e spesso e volentieri, s'incappa nell'errore di credere che le persone siano motivate principalmente dal denaro e da fattori di ruolo (titoli o riconoscimenti specifici).


Tuttavia, è stato dimostrato che le persone sono motivate da fattori molto più emozionali che puramente materiali. Vediamone alcuni:


Contributo. Le persone vogliono sentirsi utili e partecipare ad una causa comune e che abbia un certo tipo di impatto. Hanno bisogno di sapere che gli sforzi quello che fanno non sono fine a se stessi ma contribuiscono in una certa misura al risultato finale.


Obiettivi. Si ricollega al precedente. Rendere partecipi le persone del tuo team alla definizione degli obiettivi, consente loro di sentirsi necessari e creare spirito di gruppo.


Riconoscimento. La cosa più semplice e (spesso) più sottovalutata. Le persone vogliono sapere che fanno la differenza e vogliono il merito per questo. Il riconoscimento, che è un altro modo di dire grazie, è altamente motivante, in quanto si riconosce il valore apportato dalla persona.


Chiarezza. Se le persone sanno esattamente cosa fare e, confidano di poterlo fare con successo, saranno decisamente più motivate a farlo.


Demotivare le persone: gli errori da evitare


Criticare. Il potere della parola è grande, sia in positivo che negativo. Una critica (peggio se pubblica), scherzi pesanti e conversazioni pungenti, possono ferire l'autostima e la sicurezza di una persona finanche a distruggerla. Se devi fare una critica (costruttiva), cerca di usare sempre le parole giuste, non essere mai aggressivo ma sii sempre motivante.


Manipolare. La manipolazione è una delle cose in grado di distruggere i rapporti con facilità estrema. A nessuno piace sentirsi manipolato. Usa la sincerità al posto della furbizia e della scaltrezza e crea un rapporto di fiducia con le persone del tuo team.


Non ascoltare. In una delle puntate precedenti della serie discorsi settimanali, abbiamo parlato di ascolto empatico e di quanto sia importante saper ascoltare le persone, non solo con le orecchie ma anche con il cuore. Se non hai ancora sviluppato questa grande abilità, impegnati almeno a non essere insensibile con il tuo team ma metti le persone sempre al centro. Ricorda che le persone sono la tua più grande risorsa e, specie se sei in una posizione di leadership, devi sempre prendertene cura.


Impedire la crescita. Il successo è un lavoro di squadra e spesso è un effetto del fallimento. Sprona il tuo team ad imparare cose nuove, a provare, e anche a fallire. Insegna al tuo team che tutti sono importanti e che il successo di uno è il successo di tutti. Se qualcuno ha più successo di te non provare invidia e non sentirti minacciato ma sii fiero e sostieni il successo altrui. Infondi lo spirito del lavoro di squadra e fai comprendere al tuo team che se uno cresce, tutti crescono.


Conclusioni


Il team building è un aspetto importante della nostra vita e vale per tutti gli ambiti dell'universo. Siamo animali sociali e facciamo sempre parte di uno o più gruppi. Sapere come motivare le persone e, cosa più importante, come evitare di demotivarle, ci può dare diverse chance di creare un ambiente più produttivo e stimolante, per noi e per il nostro team, con la conseguenza, estremamente positiva, di raggiungere risultati decisamente migliori.


Ciao e alla prossima,

Max