Logo-MDSMS-Standard-No-date1

Accedi

BlogEfficacia personaleIl modello HACKER: aumenta le tue possibilità lavorative e personali future

Il modello HACKER: aumenta le tue possibilità lavorative e personali future

Per poter raggiungere le nostre aspirazioni e superare gli ostacoli che incontriamo sul nostro cammino è opportuno capire quali siano le “regole del gioco“ dell’ambito in cui vogliamo operare.

Stephen Covey (1932-2012), educatore e scrittore di fama mondiale, ha descritto così il processo che ci consente di raggiungere tali aspirazioni:

Se vuoi raggiungere le aspirazioni più alte e superare le sfide più grandi, identifica e applica il principio o la legge naturale che governa i risultati che vuoi ottenere.

Per avere successo (qualunque cosa significhi per te questa parola) ci sono due cose di estrema importanza da fare:

  1. Decidere cosa vuoi diventare
  2. Studiare e applicare i princìpi che regolano il campo che hai scelto e in cui vuoi operare

L’era dell’informazione e il modello hacker

Ogni epoca, dal Medioevo alla Rivoluzione industriale, ha avuto il suo modello di apprendistato e non fa eccezione quella in cui viviamo oggi: l’era dell’informazione.

A differenza del passato, oggi siamo letteralmente sommersi da informazioni e mai come prima d’ora è facile accedervi.

La Rivoluzione industriale, rispetto al Medioevo, ha segnato un nuovo modello basato sull’apprendistato individuale: l’apprendimento di un determinato settore al fine del miglioramento personale in quel settore.

Oggi, nell’era informatica, tale modello sta pian piano lasciando il posto a un nuovo paradigma basato appunto sull’abbondanza d’informazioni: il modello hacker.

Robert Greene (autore bestseller) definisce così questo modello:

Bisogna imparare quante più abilità possibili, seguendo la strada aperta dalle varie occasioni che ci si presentano, ma solo se legate ai nostri interessi più profondi. Come un hacker, bisogna dare valore al processo di scoperta e al raggiungimento dei più alti standard di qualità“.

La trappola dei percorsi prestabiliti

La differenza rispetto al modello della Rivoluzione industriale è sottile ma sostanziale.

Prima, nell’epoca dei nostri nonni, il tutto era incentrato sull’imparare un mestiere e portare avanti quel mestiere praticamente fino alla fine della vita.

Nel modello hacker, invece, viene restituito all’individuo il potere di essere padrone del suo destino.

Vivere una vita imprigionata da percorsi rigidi e prestabiliti dalla società, facendo magari un lavoro che non ci piace, che non ci soddisfa e che non ci interessa non è un bel modo di passare i prossimi anni.

Secondo alcuni dati, durante tutta la nostra vita, passiamo circa 100.000 (centomila) ore a lavorare. Stiamo parlando di circa 35 anni della nostra vita e, con vita media di circa 82 anni (dati ISTAT 2015) il lavoro rappresenta circa 1/3 della nostra intera esistenza.

Con una fetta così importante della nostra vita dobbiamo chiederci cosa vogliamo farne di questi 35 anni.

Il discorso è che se non siamo felici del nostro lavoro o, specie per i giovani di questa era, se vogliamo fare qualcosa che per noi abbia uno scopo dobbiamo iniziare a pianificare delle attività che ci consentano di vivere la nostra vita in modo tale da renderci felici e non tristi e depressi.Programmare un vasto apprendistato

Il modello hacker ci viene in aiuto. Ciò che dobbiamo fare è diventare i programmatori della nostra vita cercando di allargare il più possibile le nostre competenze (personali e professionali) toccando quanti più ambiti possibili e che siano sempre in sintonia con i nostri interessi e valori.

Richard Branson, imprenditore miliardario fondatore del gruppo Virgin ha detto:

Non ho un segreto, nel business non ci sono regole da seguire, mi limito a lavorare con il massimo impegno e, come ho sempre fatto continuo a credere in me stesso. Soprattutto, però, cerco di divertirmi”.

Anche per Branson quindi, il segreto è il divertimento.

Il discorso qui è che per raggiungere traguardi importanti ci sono tante informazioni da apprendere e uno studio continuo. Se però questo apprendistato è supportato dal nostro interesse e dall’amore per quello che facciamo (e che studiamo), il tutto sarà molto più semplice da gestire.

Una volta che avrai usato il modello hacker ed appreso tante nozioni diverse, saranno le opportunità a bussare alla tua porta e avrai modo di accumulare ancora più competenze per poterti spostare in direzioni diverse al momento giusto.

Quindi la scelta che ti chiedo di fare è questa:

  • puoi seguire un percorso rigido e predefinito oppure…
  • puoi crearti un programma vasto di apprendistato che ti consenta di fare realmente ciò che vuoi e, soprattutto, di giocarti le tue competenze nel tempo.

Non importa che tu abbia 20 o 40 (o anche di più) anni, l’importante qui è (ri)mettersi sempre in gioco sapendo che, grazie all’accesso alle informazioni che possediamo oggi, possiamo scegliere di fare qualcosa di concreto che ci piaccia veramente.Inoltre, e cosa più importante, dobbiamo programmare le nostre attività in maniera tale da consentirci di migliorare la nostra qualità della vita, perché è sempre di quello che si tratta:

cercare di vivere questa vita nel modo migliore possibile.

Ciao e alla prossima,

Max

Rispondi

Sviluppa il tuo mindset, raggiungi grandi traguardi

Raggiungi i tuoi traguardi più importanti con i modelli di comportamento e le strategie delle persone che raggiungono grandi obiettivi, persone di successo.

© 2024 Modelli di Successo – Mindset School | P. IVA 03254570736